Anzi

Ad oltre 1000 metri di altezza il centro abitato di Anzi. Visto da lontano, il paese è un labirinto di strade e di case arrampicate sulla roccia che gli fa da sfondo.
La sua storia è antica, come testimoniano i resti ritrovati nella zona. Una storia che risale agii Enotri, l'antico popolo che abitò la Basilicata.
Tra gli antichi palazzi e i luoghi di culto, scopriamo nell'Oratorio della Canonica, il Presepe Poliscenico Stabile. E' uno dei più belli e suggestivi i d'Europa, visitato ogni anno da migliaia di turisti. Qui lo sguardo rimane affascinato dal lavoro certosino degli artigiani, dalla suggestione delle scene, dai giochi di luci ed ombre che raccontano l'infanzia di Gesù.
Dagli echi della spiritualità ai percorsi del futuro. Sulle pendici del monte Siri, infatti, sorge il Planetario Osservatorio Astronomico. Una struttura modernissima, che dà la possibilità di osservare la volta celeste, di scoprire le costellazioni, di simulare la lunga notte polare.

Abitanti 2.047
1.067 mt slm
Superficie Comunale ha 7.646
Superficie Comunale nel Parco ha 1.845 (24,13%)
(centro abitato: sì)

Presepe Poliscenico Stabile
Il Presepe Poliscenico Stabile è il terzo presepe d'Europa per grandezza, è un presepe visitabile tutto l'anno, costruito in gesso e materiali di recupero e curato con estrema minuzia. In realtà non è un semplice presepe perché oltre alla scena della Natività custodisce altre nove scene della vita di Gesù che vanno dall'annunciazione a Gesù dodicenne. Le ambientazioni del Presepe sono legate ai paesaggi lucani che fanno da sfondo a ogni scena dell'opera. visitato da decine di migliaia di visitatori, è uno dei maggiori attrattori turistici dell'area.

Il Parco dei Dinosauri
Nel villaggio turistico "La Casa nel Bosco" lungo gli itinerari del bosco è stato realizzato il Parco dei Dinosauri, una passeggiata nella natura che ci permette di incontrare delle riproduzioni di dimensioni reali degli antichi abitanti della terra: i Dinosauri.

Chiesa di Santa Lucia
La chiesa di Santa Lucia di stile romanico è databile intorno al 1200, era parte del complesso del convento di clausura femminile. Salendo la gradinata una pietra semicircolare ricorda la partecipazione alla prima crociate del popolo anzese. All'interno è custodita una tela di Santa Lucia, la tela del Cristo Morto, le statue di San Biagio, dell'Annunciazione e della Madonna delle Grazie. La tela sulla pala dell'altare raffigurante la Vergine del Carmelo è attribuita al Pietrafesa.

Santuario di S. Maria
L'ultima edificazione del santuario è del 1526 come riportato sul portale. La pala dell'altare maggiore custodisce una pregevolissima tela raffigurante la Vergine del Rosario con i Misteri del Rosario opera del monaco Monchelli, databile intorno al 1600. Di notevolissima importanza sono gli affreschi di Giovanni Todisco realizzati intorno al 1529 che rappresentano il ciclo della vita di Maria e il ciclo della vita di Gesù tratti dai vangeli apocrifi.

Palazzo La Fenice
Il Palazzo La Fenice è un palazzo baronale settecentesco, già ospizio dei certosini di Padula che disponevano di ingenti possedimenti sul territorio. Acquistato dalla famiglia Fittipaldi venne impreziosito da pregevoli affreschi di figure neoclassiche tuttora custoditi all'interno. Oggi è sede del municipio.

Chiesa Madre di San Donato
Inaugurata nel 1841 per ingrandire un piccola chiesa già esistente, la chiesa matrice di San Donato dedicata recentemente al protettore degli anzesi, è ad ordine dorico e custodisce al suo interno, tra le diverse opere scultoree, la Madonna di Costantinopoli e una Madonna Bizantina di ignoto scultore meridionale databili intorno al XV secolo. Importanti sono le tele raffiguranti la rarissima rappresentazione della Morte della Vergine collocata nella zona absidale e la preziosa tela della Vendita delle Indulgenze delle Anime del Purgatorio.

Santuario di San Donato
Fu costruito nel 1771 demolendo una cappella già esistente in altro loco. Sul portale d'ingresso vi è una nicchia che custodisce la statua di San Donato. La cappella è ad unica navata e l'altare maggiore è dedicato a San Donato Vescovo e Martire protettore di Anzi. Il santuario è un importante centro di pellegrinaggio e di devozione popolare, i devoti accorrono numerosi nei giorni del 5 e 6 agosto a onorare e a venerare il simulacro del Santo per le sue proprietà taumaturgiche.

Chiesa di San Antonio
La chiesa apparteneva al convento dei frati minori e venne edificata nel 1587. la cappella è ad ordine ionico, all'interno sono custodite le statue di San Rocco, San Vito, San Pasquale, San Francesco, Santa Rosa, e l'Addolorata. All'interno ci sono le pregevolissime tele di San Michele e dell'Assunta; invece, sullo sfondo, la maestosa pala dell'altare custodisce la tela dell'Incoronazione della Vergine attribuita al Pietrafesa.

Planetario Osservatorio Astronomico
Il Planetario-Osservatorio Astronomico è una delle maggiori attrazioni ubicato nel cuore della Basilicata. Nel Planetario, attraverso una proiezione di luci, è possibile muoversi nell'Universo, tra i Pianeti e tutti gli oggetti celesti. Nello stesso plesso l'Osservatorio Astronomico ci permette di utilizzare un potente Telescopio per osservare direttamente la volta Celeste.

Fontana artistica sulla Civiltà Contadina
Collocata nella piazza principale di Anzi, è stata realizzata dall'artista lucano Lo Sasso. Inaugurata nel 2008 sta a ricordare la millenaria tradizione contadina e pastorale delle genti lucane.

(Informazioni del Dott. Mariano Marcogiuseppe)
Provincia: Potenza
Sito ufficiale: www.comune.anzi.pz.it