E...state nei parchi 2014 a Marsico Nuovo

Il video del campo estivo di Marsico Nuovo

Cinque giorni a contatto con la natura, per scoprire quanto di bello è presente sul territorio della Val d'Agri, passando dalle escursioni agli aspetti religiosi fino al gioco e ai laboratori didattici all'aperto. Questo il programma del Centro di educazione ambientale di Marsico Nuovo, "Il Castagno reale", per la manifestazione di educazione ambientale "E...state nei parchi e nelle aree protette 2014".
Insegnare l'educazione ambientale giocando e visitando alcuni degli angoli più belli e suggestivi che offre la zona di Marsico Nuovo è stato il leit-motiv delle scelte compiute dal Ceas. Nutrito il gruppo di ragazzini che hanno preso parte al progetto, ben 43, con un'età compresa tra i 7 e i 12 anni.
La prima giornata è stata dedicata alla scoperta del gioiello presente sul territorio di Marsico Nuovo, da cui lo stesso Ceas prende il nome. Il Castagno secolare, albero padre della foresta e caratteristica principale di questo angolo di Basilicata. Illustrazioni del bosco di Marsico, raccolta dei materiali del bosco, una tombola e l'escursione alla scoperta della flora e della fauna locale hanno caratterizzato la mattinata. Nel pomeriggio laboratori didattici realizzando la sagoma del Castagno gigante con foglie ricci e castagne.
Agricoltura primitiva e pratica archeologica hanno invece contraddistinto la seconda giornata di attività. La visita in un terreno coltivato ha permesso l'illustrazione delle tecniche dell'agricoltura, in particolare delle pratiche più antiche, con utensili fatti di materiale naturale. Ai ragazzini è stato mostrato l'impatto dell'uomo sul territorio, dalle bonifiche dei suoli fino alla caratterizzazione delle stesse aree, mutate per l'evidente presenza dei terreni agricoli. Non solo teoria visto che i ragazzi si sono poi cimentati nella creazione di un orto biologico, seminando semi di ortaggi. Dall'agricoltura, nel pomeriggio, si è passati a un'altra disciplina: l'archeologia. Il Ceas ha infatti simulato gli scavi alla ricerca di antichi reperti, con i ragazzi impegnati, come novelli cacciatori di tesori, a cercare e collezionare i materiali, catalogandoli al termine su una scheda di lavoro fornita a ogni partecipante.
Insegnare giocando è stata la base anche della terza giornata, con una caccia al tesoro tra i vicoli del borgo storico di Marsico Nuovo. Storia, architettura, pittura: i ragazzini hanno visitato i palazzi storici del paese, tra chiese, palazzi e torri medievali, alla ricerca di indizi. I ragazzini hanno scoperto l'importanza del patrimonio storico e dei beni culturali, sotto gli occhi di tutti ma spesso poco conosciuti dagli stessi cittadini del paese. Un'occasione per rivisitare, con occhi diversi, gli stessi luoghi della quotidianità per molti di loro, con piccole e grandi scoperte che hanno affascinato e incuriosito.
Nella quarta giornata si è invece tornati all'escursione pura. I quarta bambini hanno infatti visitato il santuario della Madonna nera di Viggiano, santa protettrice della Basilicata. Molte le particolarità della giornata: dalla collaborazione fattiva e positiva tra i due Ceas di Marsico Nuovo e Viggiano, "Il Castagno reale" e il "Museo del Lupo" fino alla partecipazione di una decina di "veterani" dell'area Parco, con il ritorno di alcune "piccole guide" che hanno preso parte alla giornata. Una continuazione di un altro progetto di educazione ambientale "Piccole guide lungo le piste dell'Appennino Lucano", che si è svolto negli ultimi mesi del 2013. Punto di partenza la piana Bonocore, dove i ragazzi hanno ammirato lo splendido paesaggio della Val d'Agri, con il lago di Pietra del Pertusillo, prima di partire alla volta della Montagna Grande. Alcuni chilometri di salita lungo il sacro percorso, praticato da migliaia di pellegrini ogni anno. Arrivati in cima, dopo un abbraccio ideale allo stesso santuario, forte è stata l'emozione alla vista della statua della Madonna nera, grazie anche al racconto della storia e delle leggende legate alla statua e all'antico rito di devozione nei confronti della Madonna di Viggiano. Al termina tappa al Museo del Lupo, dove il Ceas di Viggiano ha intrattenuto i ragazzi con storie legate ai lupi, potendo ammirare alcuni esemplari impagliati presenti nella sede, insieme ad altri animali del bosco.
Per l'ultima giornata ritorno a Marsico Nuovo, con la visita a Piana del Lago, sulle sponde del laghetto artificiale. Partenza da Fontana delle Brecce, con un sentiero agevole attraverso il bosco, e arrivo dopo circa un'ora al lago. Dopo un breve riposo, i ragazzi hanno potuto esprimere il loro talento con la pittura. Nell'ampia radura ai bordi dello specchio d'acqua sono stati installati una decina di cavalletti per la pittura, con i ragazzini che hanno disegnato, con matite, pennelli e pastelli colorati, la loro immagine del lago e della natura. Al termine della mattinata il ritorno a Fontana delle Brecce, dove ragazzi e genitori hanno partecipato al pranzo offerto dal Ceas. Infine la consegna degli attestati di partecipazione ai quaranta ragazzi che hanno preso parte al campo estivo di Marsico Nuovo di "E...state nei parchi e nelle aree protette 2014".