Costituzione della rete dei boschi vetusti dell'Appennino Meridionale

Nel Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese l'individuazione di sistemi forestali complessi, assimilabili a boschi vetusti, è stata riscontrata solo su lembi di territorio ridotti. Una delle cause principali va attribuita alla secolare gestione forestale che ha semplificato gli ecosistemi sia in termini di specie che di struttura.
Tuttavia, la loro esistenza rappresenta una ricchezza inestimabile, fino ad oggi trascurata, che si reputa necessario preservare e gestire ai fini di una corretta pianificazione del territorio, questo è particolarmente vero se si considera che il Parco della Val d'Agri occupa una posizione biogeografia strategica nel sistema dei parchi dell'Appennino Meridionale.
Questa attività di studio e di sopralluoghi ha permesso di raggiungere i primi risultati con la candidatura di quattro siti. I risultati ottenuti vengono forniti anche in formato elettronico così come richiesto dal gruppo scientifico coordinato dal prof. Carlo Blasi, per la raccolta e la successiva elaborazione dei dati.
I siti individuati presentano peculiarità interessanti per essere caratterizzati e inclusi nella rete dei boschi vetusti dell'Appennino meridionale.
La caratterizzazione dei siti prevede rilievi di dettaglio che saranno effettuati seguendo il protocollo e la metodologia indicati dal gruppo di coordinamento. Questo step sarà applicato a uno dei quattro siti attualmente candidati ma non ancora confermati.

dalle conclusioni del progetto