Ricettario parco Appennino Lucano – Mangia Parco

Paddaccio, cacioni, trittico e lampascioni. E ancora, lucanica, pappaluni,
giuraje, farrate, solina, gruttazzo. Nomi bizzarri, spesso antichi e perlopiù
sconosciuti, ma dietro ai quali si celano straordinari formaggi, dolci squisiti,
ortaggi e legumi rari, salumi prelibati, cereali antichi. In altre parole uno dei
tesori più preziosi del Belpaese: le nostre eccellenze agroalimentari.
Quel che pochi sanno è che molte di queste prelibatezze sono custodite e prodotte
all’interno dei Parchi italiani, dove natura protetta e lavoro dell’uomo
sono legati indissolubilmente da millenni. Alcuni di questi prodotti fanno
parte da sempre della cucina tipica regionale, altri sono stati salvati dall’estinzione
e sono tornati sulle tavole grazie alla tenacia di agricoltori esperti
il cui lavoro è stato promosso e sostenuto proprio dai parchi e dalle amministrazioni
locali.
Quel che emerge è una geografia dell’Italia protetta all’insegna del buon gusto,
dei cibi sani e delle tradizioni agroalimentari che si intreccia, in unione
perfetta, con quella dei paesaggi naturali e della tutela di flora e fauna.
Dalla tutela della biodiversità alle produzioni di qualità, dunque. è questo
uno degli obiettivi di Expo e territori, l’iniziativa promossa per conoscere da
vicino le eccellenze agroalimentari italiane, per collegare l’evento di Milano
ai campanili, ai campi, alle tavole del nostro Paese, per ampliarne l’efficacia.
è un viaggio alla scoperta dei luoghi di produzione del cibo e contemporaneamente
del patrimonio culturale e paesaggistico, delle tradizioni e dell’ospitalità
italiana. Ma è anche il racconto del rapporto che lega ogni prodotto
tipico con il suo territorio: storia, arte, stile di vita. È un catalogo con oltre
80 prodotti tipici d’eccellenza per scoprire i sapori e le bellezze delle regioni
italiane, in tutta la loro ricca e preziosa diversità.
Il progetto è coordinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri; realizzato
con il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica e il supporto
operativo di Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti
e lo sviluppo dell’impresa. Sono coinvolte tutte le Regione Italiane,
che hanno formulato un pacchetto d’offerta territoriale, e cinque Ministeri
(Affari esteri e cooperazione internazionale; Politiche Agricole, alimentari e
forestali; Beni e attività culturali e turismo; Istruzione, università e ricerca;
Ambiente, tutela del territorio e del mare) che hanno avviato, in Italia e
all’estero, iniziative collaterali di promozione, interscambio culturale, animazione
e formazione.